Welcome, Guest. Please login or register.
October 17, 2019, 07:19:25 AM
Home Help Search Login Register
News: DUAL Theme changed!

+  DUAL Bulletin Board
|-+  Guestbook
| |-+  Folklore
| | |-+  Politica o attenzione sociale, penso che comunque valga la pena essere informati
« previous next »
Pages: [1] Print
Author Topic: Politica o attenzione sociale, penso che comunque valga la pena essere informati  (Read 13219 times)
Luca
DUALUser
Jr. Member
*
Offline Offline

Posts: 96



View Profile
Politica o attenzione sociale, penso che comunque valga la pena essere informati
« on: June 12, 2008, 11:42:34 AM »

come riferimento per il collettivo firmatario:
http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendid=371466321

Di seguito, la lettera aperta a docenti e studenti da parte dei
collettivi, in merito alla richiesta di forza nuova di svolgere un
incontro presso il nostro ateneo.
Riteniamo importante una presa di posizione da parte di tutti, per
impedire che la nostra università si renda partecipe alla diffusione di
pensieri di intolleranza.
Invitiamo inoltre tutti i docenti a diffondere la lettera a colleghi e
interessati.
cordiali saluti
collettivo per l'autoformazione padova

Lettera aperta ai docenti dell'ateneo di padova

A meno di due settimane dai fatti avvenuti all’Università La sapienza di
Roma, dove un gruppo di studenti è stato aggredito da militanti di Forza
Nuova, abbiamo appreso della richiesta, avanzata in questi giorni dallo
stesso partito neofascista, di promuovere un incontro all’interno
dell’Ateneo di Padova.

A tale incontro dovrebbe partecipare anche Roberto Fiore, fondatore di
Terza Posizione e già inquisito per la Strage alla stazione di Bologna.

A Roma questo stesso incontro non ha avuto luogo per merito delle
iniziative degli studenti e  dell’intervento dei docenti, che insieme
hanno voluto affermare un’idea di università non neutrale, ma centrata
sul confronto, un luogo nel quale e dal quale produrre e
diffondere pensiero critico e cultura dell’uguaglianza.

Siamo convinti che anche l’Università di Padova debba rifiutare la
presenza di un gruppo che fa dell’odio razziale e della violenza contro
chi è considerato diverso, il suo modo di agire.

I recenti fatti di Roma, come pure l’omicidio di Nicolò Tommasoli avvenuto
a Verona agli inizi di maggio per mano di persone legate alla destra
neo-fascista, hanno a che fare con il clima generale che va diffondendosi,
che sembra legittimare l’aggressione e l’intolleranza come modalità di
gestione delle relazioni sociali.

Per questo riteniamo doveroso esprimere il nostro dissenso a questa presenza.
E' necessario impedire che il nostro Ateneo diventi un palcoscenico per
quanti vogliono diffondere pratiche di intolleranza quali xenofobia,
razzismo, sessismo e negazionismo.

L’università può contribuire ad invertire questa tendenza affermando le
diversità e l’incontro tra soggetti diversi come primo e principale motore
dell’accrescimento sociale, intellettuale, politico ed umano, tanto più in
un Ateneo che vanta la medaglia d'oro alla resistenza ed il cui ex Rettore
Concetto Marchesi, è stato membro della costituente ed esponente della
resistenza al regime fascista.

“Non frugate nelle memorie o nei nascondigli del passato i soli
responsabili di episodi delittuosi; dietro ai sicari c'è tutta una
moltitudine che quei delitti ha voluto e ha coperto con il silenzio e la
codarda rassegnazione”
Il Rettore: Prof. Concetto Marchesi
(Tratto dall’appello agli studenti lanciato il 1 dicembre 1943)

collettivo per l'autoformazione padova
collettivo scienze politiche padova
uniriot padova
Logged
Pages: [1] Print 
« previous next »
Jump to:  


Login with username, password and session length

Powered by MySQL Powered by PHP DUAL Bulletin Board | Powered by SMF 1.0.7.
© 2001-2005, Lewis Media. All Rights Reserved.
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!